Sei certo di sapere come si comporterebbe il tuo immobile durante una scossa sismica?

Negli ultimi anni, l’intensa attività tellurica della penisola ha reso sempre più evidente che gli edifici prefabbricati, compresi quelli di recente costruzione, possono essere estremamente vulnerabili anche a una piccola scossa sismica e soggetti a importanti cedimenti strutturali parziali o totali. Diventa fondamentale, quindi, rendere sicuro un immobile dal punto di vista sismico, sia per tutelare la vita delle persone che si trovano al suo interno, sia per proteggere concretamente i propri investimenti patrimoniali (arredamento, macchinari, tecnologie, prodotti, know how, merci immagazzinate, ecc.). Il fatto che l’edificio in questione sia stato costruito a regola d’arte, o almeno con criteri che garantiscono un minimo di sicurezza in caso di terremoti, non basta. Occorre anche tener presente che ogni costruzione è soggetta a un naturale degrado, dovuto al trascorrere del tempo e all’usura causata dagli agenti atmosferici sui materiali edili. Ecco perché è opportuno verificare lo stato di fatto dell’immobile, non solo “sulla carta”, ma attraverso sopralluoghi, indagini, prove mirate e approfondite. In quest’ottica, Segmento si avvale della preparazione e delle competenze di un gruppo altamente qualificato composto di tecnici, ingegneri ed esperti del settore, specializzati in miglioramento e adeguamento sismico degli edifici esistenti. L’esperienza acquisita e le metodologie adottate consentono di:

05322876sisma_l_aquila_adeguamento_sismico_terremoto
  • effettuare una diagnosi accurata per conoscere le componenti costruttive e i conseguenti limiti prestazionali della struttura;
  • progettare soluzioni che raggiungano l’obiettivo di migliorare il grado di prestazione sismica dell’edificio in termini di resistenza e di rigidezza, tenendo conto delle esigenze del cliente (analisi costi-benefici, comportamento e durata di materiali e dispositivi, logistica degli interventi);
  • allestire il cantiere ed eseguire i lavori senza intralciare l’attività del capannone. Particolari tecniche relative al mondo dell’edilizia in sospensione (lavori in quota, su corde e funi), consentono di effettuare gli interventi senza chiudere la struttura o interrompere la produzione; non comportano, quindi, alcuna perdita economica dovuta al fermo degli impianti.

Modalità di Intervento

I capannoni industriali sono generalmente realizzati mediante plinti, pilastri e travi, di norma semplicemente appoggiati tra loro, in quanto le strutture, almeno fino a qualche anno fa, erano calcolate per resistere ai soli carichi verticali, tralasciando il collegamento tra gli elementi orizzontali e quelli verticali: caratteristica questa che li rende particolarmente sensibili alle azioni sismiche. Per questo motivo è preferibile intervenire operando in due fasi distinte: una prima “messa in sicurezza”, in cui si raggiunge un miglioramento globale della struttura, seguita da interventi più specifici che concretizzino l’adeguamento vero e proprio. Il compito dello staff di ingegneri e di professionisti, messo a disposizione da Segmento, consiste appunto nel verificare lo stato di fatto dell’edificio e il suo comportamento in condizioni dinamiche, per poter individuare la modalità di intervento più idonea ed efficace. L’attento sopralluogo e l’accurata analisi consentiranno a questo gruppo di esperti di quantificare i costi da sostenere per il miglioramento o l’adeguamento sismico dell’immobile, calcolandoli esclusivamente in base alle reali necessità riscontrate.

Pensare che il rischio sismico riguardi qualcun altro, può costarti molto di più. Non farti trovare impreparato e contattaci subito per avere una perizia di valutazione del rischio sismico della tua azienda.

Contattaci subito
e un nostro consulente sarà a tua disposizione per informazioni e dettagli!